Fresh News

Su Demone Dentro: intervista a Mattia Iacono – #ECSEI

iaocno
Serena Mascali
Written by Serena Mascali

Mattia Iacono, nuova firma di casa Tunué, arriva in libreria con Demone Dentro, il suo primo graphic novel. Un’entusiasmante storia con protagonisti Ulisse e Wantoo, due uomini che si trovano ad affrontare, in una maniera del tutto singolare, i propri demoni interiori.
In occasione di Etna Comics 2016 abbiamo avuto modo di parlare con l’autore, che ci ha raccontato della propria formazione e di alcuni retroscena che riguardano la nascita di Demone Dentro.

Schermata 2016-06-18 alle 14.01.09

Chi è Mattia Iacono? Parlaci un po’ della tua formazione artistica.
Da adolescente ho frequentato il liceo scientifico, in Toscana. Ho avuto dunque una formazione scientifica e non artistica. Successivamente sono ritornato a Roma, e lì ho frequentato la Scuola Internazionale di Comics, diplomandomi in illustrazione e specificandomi, nell’ultimo anno, in colorazione digitale con David Messina.

Quali sono le origini di Demone Dentro?

Non ti saprei dire il momento esatto in cui ho detto “Eccolo qui, Demone Dentro”. È stata un evoluzione: avevo un plot generale in testa che si è evoluto in qualcosa di più grande. Avevo in mente questi due personaggi, Ulisse e Wantoo, che dovevano sconfiggere questa sorta di demone interiore.
Quello è stato il momento in cui ho detto “Questa è la mia storia”.

Io l’ho trovata una storia molto intimista, e leggendola mi son chiesta: quanto c’è di personale in ciò che racconti? È tutto frutto di fantasia o deriva, in parte, da tue esperienze personali?
Non doveva essere una storia troppo biografica, in realtà, ma arrivando alla fine mi sono reso conto che i protagonisti avevano comunque qualcosa di me. Inizialmente doveva essere una cosa totalmente separata dalla mia vita, ma quando lavori a una storia, in fase di scrittura e disegno, ti accorgi che c’è molto di te dentro, soprattutto a livello di sensazioni e impressioni. Demone Dentro può essere vista come una storia fantastica, ma allo stesso tempo è la storia di due persone normalissime come potremmo essere io e te, ad esempio.

Cosa ispira questo libro e, in generale, il tuo modo di lavorare? Opere, artisti di riferimento…
Per questa storia ho delle grandi montagne alle quali mi ispiro, tipo David Mazzucchelli con il suo Asterios Polyp, che ho letto così tanto da consumarne la copia. E poi c’è Paco Roca, ma paradossalmente mi piacciono anche autori come Paul Pope o le storie di Adventure Time, della quale sono un grandissimo fan. Per quanto riguarda più in generale, la musica ha influito tantisimo perché ne ascolto tantissima e di generi differenti, come il funky e il rap . Per quanto riguarda il cinema, sicuramente Tarantino. Parlando di libri, invece, c’è Lo Squalo, che ha ispirato soprattutto la prima parte del libro.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? Ti leggeremo ancora per i tipi della Tunué?
A parte lavori paralleli, come il disegnare copertine per varie etichette discografiche, ci sono alcune idee di storie mie che stanno per prendere forma. Un progetto in particolare, che ho in mente da un po’, vedrà luce l’anno prossimo, spero di nuovo per i tipi di Tunuè!

About the author

Serena Mascali

Serena Mascali

Blogger e scribacchina a tempo perso. Ho un blog, Rum in Teacups, nel quale parlo di comunicazione, lifestyle, questioni nerd e racconto la mia vita (anche se non interessa a nessuno). Da grande voglio fare la scrittrice.
Caporedattrice di ToChio.it

Leave a Comment

Close
Supporta ToChio!
Seguici anche su Facebook e Twitter:
Social PopUP by SumoMe